ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEL FANTE

Sezione di Roma Capitale

LA STORIA DELLA NOSTRA SEZIONE

PARTE PRIMA (dal 1933 al 1983)

L'Associazione Nazionale del Fante, i cui soci sono sia appartenenti all'Arma di Fanteria, la "Regina delle battaglie", sia Amici del Fante, sia Patronesse, venne costituita in Milano il 7 luglio 1920, per iniziativa del Ten. di Cpl. del 31° Reggimento Ftr. “Siena” GIUSEPPE FONTANA, in accoglimento delle richieste dei Fanti reduci della guerra 1915/18.

La prima Sezione fu inaugurata a Milano il 24 ottobre 1920. A questa seguirono costituzioni di Sezioni in quasi tutti i Capoluoghi d'Italia ed in moltissimi Comuni. Il 30 novembre venne pubblicato il primo numero del giornale dell’Associazione “Il Fante d’Italia”, che è tuttora in stampa.

A Roma si costituisce la Sezione dell’Associazione nel 1933, su proposta dell’Avv. Carlo Galli che ne diventa il Presidente. 

La Sezione di Roma, in realtà, ha operato anche nella duplice veste di “Federazione romana”, coordinando quindi anche le attività di tutte le Sezioni della provincia omonima.

A fianco dei Fanti in congedo si nomina un Comitato di Dame Patronesse che hanno il compito di coadiuvare il Presidente nell’attività della Sezione. In breve tempo si raggiunge un considerevole numero di associati che partecipano con fervore alle  significative e varie cerimonie e manifestazioni a carattere ricreativo, patriottico e militare.

In questo primo 50ennale della Sezione, i Presidenti della Sezione si sono avvicendati così

Nominativo

Periodo

Avv. Carlo GALLI

1933 - 1943

Cap.no Carlo PUCCINI

1944

Magg.re Riccardo SANDIFORD

1945; 1950

Col. Riccardo LEZZI

1946 - 1948

Cap. Luigi NUTI

1949

Gen. C.A. Edoardo SCALA

1951 - 1955

Cap. Luigi NUTI

1949

Gen. C.A. Edoardo SCALA (*)

1951 - 1955

Col. Riccardo LEZZI

1956 – 1957

Gen. C.A. Mario ROSSI

1957 - 1981

Avv. Renato CIMAGALLI

1981

 

Nota (*) = Il Gen. Scala è stato autore, per l’Ufficio Storico dello Stato Maggiore dell’Esercito, di 10 libri dedicati alla Storia della Fanteria.

Nel 1937 il Presidente Galli convoca la prima riunione annuale dei Soci.

Nel gennaio del 1938, ai Fanti più bisognosi viene distribuita la Befana con una manifestazione cui interviene anche S.A.R. la Principessa Maria di Savoia. L’iniziativa viene ripetuta negli anni successivi.

Nel 1939 la sede della Sezione è trasferita in via Goito 35 ove rimarrà per lunghi anni.

Nel 1946, dopo i tristi eventi bellici che avevano portato alla soppressione delle Associazioni d’Arma ed alla costituzione di un “Circolo di ricreazione e di cultura del Fante”, l’Associazione ed il Comitato delle Dame patronesse vengono ricostituiti.

Nel 1947 entra a far parte dell’Associazione, quale Socio Benemerito, il “Circolo Reduci della Divisione Torino” che raccoglie giovani reduci dalla Russia di questa gloriosa Divisione che ha combattuto prima nel CSIR (Corpo di Spedizione Italiano in Russia) e poi nell’ARMIR (Armata Italiana in Russia).

Nel 1949 viene bandito un concorso per “la migliore pagella scolastica” e vengono premiati due concorrenti figli di Soci.

Nel 1951 la Sezione organizza un pellegrinaggio a Gorizia ed a Redipuglia  cui partecipano 391 Fanti, con il Labaro.

Nel 1952 si ha un significativo aumento del numero dei Soci della Sezione che da 152 diventano 506.

Nel 1955 una folta delegazione di Fanti romani partecipa al Raduno nazionale di Napoli ove viene inaugurato il Monumento al Fante d’Italia, presso il Molo Molosiglio.

Nel 1960 viene offerta una Medaglia d’oro all’Avvocato Galli, fondatore e primo Presidente della sezione di Roma. Nella circostanza viene anche presentata la “bustina” grigio-verde con i distintivi di grado e le mostrine del Reggimento di predilezione, da indossare nelle varie cerimonie.

Nel 1962 la Sezione organizza a Roma il Congresso nazionale dell’Associazione.

Nell’agosto del 1968, viene improvvisamente a mancare il Comm. Torcolini che, Socio fin dalla fondazione, aveva sempre offerto un generoso e qualificato contributo alla organizzazione e funzionamento della Sezione.

Nel 1969 viene nominato “Consigliere a vita ad honorem” il Cap. Caleca, decano della Sezione ed esempio di fedeltà. In quell’anno, nella provincia di Roma sono presenti ben 68 Sezioni.

Alla fine del 1976, a seguito di perentoria intimazione di “sfratto” da parte del Comune di Roma, dopo oltre 42 anni, la Sezione deve lasciare la sede di via Goito e dopo un periodo di precaria sistemazione in via Scarpa, grazie al provvidenziale intervento del Comando Militare Territoriale di Roma, trova la sua definitiva sistemazione nell’attuale sede di via Sforza, 3.

Nel 1980, la Sezione vive un momento di particolare crisi a causa della grave malattia del Presidente in carica, Gen. Mario Rossi, che muore il 13 febbraio del 1981.

Nel 1981 viene deciso la nomina a Soci ad honorem dei Soci insigniti della Medaglia d’oro al Valor Militare (Gen. Bastiani e Baruzzi ed On.le Viola), ed a  Soci Benemeriti di quei Soci che abbiano 25 anni di iscrizione. Inoltre, a nome della Federazione romana, viene pubblicato il periodico “Notizie”.

Nel 1982, presso il Circolo delle Forze armate in Palazzo Barberini, in una bella manifestazione cui intervengono molte autorità civili e militari, avviene la premiazione dei vincitori del premio letterario “Gen. C.A. Mario Rossi”, incentrato sul tema “Gloria e sacrificio della Fanteria in guerra e in pace”. Ricevono il premio ben 14 Fanti. Per la circostanza è stata coniata anche una medaglia ricordo.

Nel 1983, la Sezione/Federazione organizza a Roma il XIII Raduno Nazionale del Fante.

 

PARTE SECONDA (dal 1983ad oggi)

In questa seconda parte della nostra “storia” i Presidenti della Sezione  si sono così avvicendati

Nominativo

Periodo

Avv. Renato CIMAGALLI

1981 - 1988

Alberto SCRIMALI

1989 - 1990

Giovanni Battista RICHICHI

1991 - 1994

Guglielmo CAPOBIANCO

1995 - 2004

Marco PASQUALI

dal 2005

 

L’Avv. Renato Cimagalli è stato Presidente della Sezione di Roma dal 1981 al 16.6.1988, quando si è dimesso essendo stato eletto Vice Presidente Nazionale.

Il 20.11.1988 è stato eletto Presidente della Federazione Romana, incarico che ha tenuto fino al 25.3.1995.

Nel 1995 viene eletto Presidente della Federazione il Gen. Girolamo Garonna, incarico che conserverà fino alla morte, avvenuta il 9.8.2011.

La Sezione di Roma è stata retta da un Commissario il Dott. Alberto Scrimali dal 16.6.1988 al 29.11.1988, che poi in quella data è stato eletto Presidente.

Dopo un periodo di difficoltà di vario genere, il 16.3.1991 la “rifondata Sezione di Roma” elegge Presidente il Gen. Giovanni Battista Richichi che rimane in carica fino al 17.6.1995.

Il 17.6.1995 viene eletto Presidente il Gen. Guglielmo Capobianco fino al 2.10.2004.

Il 2.10.2004 viene eletto Presidente Marco Pasquali, adesso 1° Cap., ancora in carica.