Visita all’80° Reggimento Fanteria “Roma”  ed all’Abazia di Montecassino

(Clicca qui per leggere la “Storia dell’80° Rgt. F. “Roma”.

Clicca qui per leggere la storia dell’Abbazia di Montecassino)

 

E’ stata una bellissima giornata in cui abbiamo potuto “combinare” interessi militaristici e culturali. Ci siamo ritrovati alle 08.30 alla caserma “Macao” di Roma ove abbiamo preso il bus prenotato da noi. Verso le 10.30 siamo arrivati alla Caserma “Lolli-Ghetti”, sede dell’80° Reggimento di Fanteria “Roma”, ove abbiamo trascorso alcune ore in cui ci è stata illustrata la nuova funzione del Reggimento che cura la formazione dei Sergenti Volontari dell’Esercito. Dopo aver visitato la caserma, abbiamo poi svolto una breve cerimonia deponendo una Corona d’Alloro al Monumento ai Caduti del Reggimento. E’ seguito il “rancio” in caserma.

Verso le 14.30 siamo ripartiti per andare a visitare l’Abbazia di Montecassino (lo storico monastero benedettino fondato nel 529 da San Benedetto da Norcia. Il Monastero più antico d’Italia) ove una bravissima guida ci ha illustrato la straordinaria bellezza dell’Abbazia e ci ha raccontato tanti retroscena della sua storia, con particolare riguardo al bombardamento subito dall’Abbazia nella seconda guerra mondiale.

Durante il viaggio di ritorno il duetto sonoro dei Vincenzo (Bux alla chitarra e Currò alla voce) ci hanno allietato con tante canzoni coinvolgendo anche tanti altri partecipanti. Insomma, più che un viaggio di “Reduci” è sembrato un viaggio di allegri ragazzini.

Alle 19.00 circa siamo ritornati alla caserma “Macao” stanchi ma felici per una esperienza turistico/culturale decisamente bella ed interessante.

Alla giornata hanno partecipato i Soci Fiore (con signora Maria Rosaria), Currò Vincenzo (con signora Mariella), Pasquali, Bux, Bertollini, Di Marco, Amato, Ruspantini e D’Eufemia. Hanno presenziato anche le Dame/Patronesse Maria Serra e Raffaella Bellucci. Graditissima la presenza del Gen.  Renato Capuano e signora Maria Grazia (da Cesano) ed il Maggiore dell’Aeronautica Militare Stefano Angeli, amico di Pino Di Marco.