La Sezione di Roma celebra la ricorrenza di San Martino

Come ogni anno, il giorno 11 novembre, la Sezione di Roma Capitale ha celebrato la ricorrenza della Festività di San Martino, Patrono della nostra Arma di Fanteria.

Di norma, la Sezione celebra questa ricorrenza presso la Basilica di San Martino ai Monti. Tuttavia il 2018 è stato un anno particolare: il Centenario della fine della Prima Guerra Mondiale. Proprio per onorare i 650.000 morti nella durissima guerra di trincea, di cui la metà erano Fanti, si è voluto rendere un omaggio fortemente sentito ai tanti Fanti che hanno immolato la loro vita per la nostra Patria in quel conflitto.

La ricorrenza è stata quindi celebrata presso il Monumento al Fante ubicato nell’area del Famedio Militare del Cimitero Monumentale del Verano.

Il Fante è stato il protagonista assoluto di quella Guerra ed è sembrato doveroso rendergli omaggio davanti a quel Monumento che lo rappresenta in maniera così bella e commovente.

Alla cerimonia hanno assistito numerosi Soci e Dame/Patronesse ed anche numerosi Rappresentanti delle altre Associazioni Combattentistiche e d’Arma, nonché Crocerossine e rappresentanti della Croce Rossa Militare.

I numerosi Medaglieri e Labari presenti hanno fatto da splendida e policrona cornice all’Altare da campo allestito proprio davanti al Monumento al Fante. Tutti i Medaglieri ed i Labari nel prendere posizione si sono inchinati per rendere omaggio al Monumento al Fante.

Numerosa anche la rappresentanza dei Soci e delle Dame/Patronesse della Sezione di Cesano “guidati” dal Presidente Giacinto Mannavola.

Graditissima la presenza del Vice Comandante della Scuola di Fanteria, il Col. Ognimè, del Presidente dell’Associazione nazionale Artiglieri d’Italia, il Gen. Rocco Viglietta, del Presidente Onorario della nostra Associazione, il Gen. Giovanni Cortellessa e del Presidente nazionale di Assoarma, il Gen. Mario Buscemi.

La Celebrazione è stata officiata in maniera decisamente straordinaria da Don Massimo Carlino, Cappellano Militare al CE.SI.VA. (Centro di Simulazione e Validazione dell'Esercito) in Civitavecchia, che ha “dipinto” con parole entusiasmanti la figura di San Martino, coinvolgendo emotivamente tutti i partecipanti con la sua brillante ed interessante omelia.

Dopo la Messa è stata deposta una Corona d’alloro al Monumento al Fante.

A fare da “colonna sonora” alla cerimonia è intervenuto il Coro degli Alpini “Malga Roma” che ha scandito i momenti significativi dell’evento con brani rievocativi degli eroismi dei nostri Fanti durante la Grande Guerra.

Il Fante e San Martino sono stati anche “prodighi” nei riguardi della Sezione di Roma Capitale perché hanno  riservato una splendida giornata calda e assolata che ha consentito ai tanti presenti di godere di bellissimi momenti.

Al termine della cerimonia, sia ai rappresentati delle Associazioni d’Arma presenti sia ai componenti del Coro degli Alpini, è stato regalato un fermacarte marmoreo con lo stemma della Fanteria. A fianco al Monumento al Fante è stato posizionato un “Totem” con piastrelle indicative della nostra Associazione.

Il dott. Roberto Di Vito, amico del Vice Presidente nazionale Marco Pasquali, ha realizzato un bel filmato della cerimonia che può essere visionato su facebook al seguente indirizzo Centenario della Grande Guerra 15-18 - Onore al Fante. Eroe d’Italia!

Perfetta la “regia” dell’intera cerimonia curata dal Segretario della Sezione il dott. Vincenzo Currò. Ottimo anche il contributo del Socio Col. Pino Di Marco nel “governare” lo schieramento dei Medaglieri delle Associazioni d’Arma. Hanno inoltre contribuito al successo dell’iniziativa il Socio Maurizio Di Iulio che è venuto da Udine ed il Vice Presidente Riccardo Bertollini che ha curato la parte tecnologica.

In definitiva, un evento decisamente bello che ha riscosso l’entusiastico commento di tutti gli intervenuti. Sono stati momenti belli e pieni di quei Significati e Valori che caratterizzano la nostra Associazione. C'era tanta gioia negli occhi di quanti erano presenti, anche perchè celebravamo i nostri Caduti nel giorno in cui finalmente si pose fine alla guerra più sanguinosa che la nostra Patria abbia combattuto.

Queste sono state le parole a commento del Presidente Cortellessa: “Adeguate e puntuali le predisposizioni organizzative poste in atto dalla Sezione di Roma Capitale. Suggestiva la "cornice" di Labari e Bandiere che adornavano il Monumento al Fante. Caldamente partecipata la cerimonia anche da parte delle altre numerose Associazioni Romane. Di grande pregio storico, spirituale e patriottico la brillante omelia del Cappellano Militare. Ospiti impeccabili i Fanti del Direttivo Romano, egregiamente coadiuvati dalla componente Patronesse. Complimenti vivissimi a tutti”.